2020

Auto che hanno fatto la storia: la Fiat 128 Coupeè

0 199

La Fiat 128 Coupe’ è un’automobile sportiva, derivata dal modello berlina, costruita dalla casa torinese tra il 1971 ed il 1978.

Tra la fine degli anni sessanta e l’inizio degli anni settanta, continuavano ad essere gradite dal pubblico le coupé derivate dalle piccole e medie berline di grande produzione. La Fiat aveva riscosso un consistente successo di vendite con la “850 Coupé”, ma si trovava ora in difficoltà, non avendo un valido modello sportivo da proporre quale alternativa economica alle costose 124 Sport, Giulia GT e Fulvia Coupé che, in quegli anni, rappresentavano l’eccellenza nel settore di mercato.

Inoltre, importanti case come Ford, Opel e Renault, avevano iniziato a proporre modelli coupé dall’aspetto aggressivo e dal temperamento turistico che, pur non raggiungendo prestazioni paragonabili alle blasonate Alfa Romeo e Lancia, si rivolgevano ad una fascia di utenza disposta ad accontentarsi di prestazioni ridotte, ma compensate da ridotti costi d’acquisto e d’utilizzo e da una abitabilità sufficiente per quattro persone.

Banner ceriv

L’immissione sul mercato, in rapidissima serie, della Capri, della Manta e delle Renault 15 e 17 ed il loro immediato successo, anche in Italia, costrinsero la Fiat a rompere gli indugi e proporre, nel 1971, la propria interpretazione di quella che allora veniva definita la “sportiva di famiglia”, presentando i modelli “128 Rally” e “128 Coupé”.

Il ritorno commerciale della “128 Coupé” non può dirsi fallimentare, ma fu certo inferiore alle aspettative della casa che, peraltro, trovava una forte concorrenza interna dovuta all’enorme successo della sportiva “Autobianchi A112 Abarth”, di gran moda tra i giovani.

Per trovare un rilancio della vettura, nel 1974, la Fiat apportò coraggiose modifiche inserendo un innovativo portellone posteriore. L‘aggiornamento portò alla presentazione della “128 Coupé 3P”. Se il modello precedente non aveva soddisfatto appieno le previsioni di vendita, quest’ultima versione fu un vero tonfo commerciale, pur raccogliendo qualche tiepido consenso sui mercati esteri.

La produzione cessò nel 1978, mettendo la parola fine ad una buona prova di tecnologia costruttiva, ma troppo in ritardo sulla moda delle piccole coupé degli anni ’60 e troppo in anticipo sulla moda delle sportive con portellone posteriore degli anni’ 80, inaugurata dalla Volvo 480 ES. Occorrerà aspettare quasi vent’anni prima di ritrovare nel listino Fiat un’altra coupé.

Nel 1971 le quattro versioni della coupé vennero messe in vendita con questi prezzi di listino, franco filiale:

  • 128 Coupé S 1100 – Lire 1.300.000
  • 128 Coupé SL 1100 – Lire 1.390.000
  • 128 Coupé S 1300 – Lire 1.360.000
  • 128 Coupé SL 1300 – Lire 1.450.000

Le vetture potevano essere dotate di una piccola serie di accessori a pagamento:

  • Antifurto – Lire 7.000
  • Lunotto termico – Lire 10.000
  • Lunotto termico e cristalli atermici – Lire 21.000
  • Ruote in lega di magnesio – Lire 50.000

Otto i colori disponibili (bianco, rosso arancio, grigio chiaro, giallo positano, giallo primula, verde, blu Francia, blu scuro), nessuno dei quali metallizzato.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy